Il gruppo Esposito non si ferma e attende la decisione del Tar del 27 - I AM CALCIO POTENZA

Il gruppo Esposito non si ferma e attende la decisione del Tar del 27

Nota integrativa del gruppo Esposito
Nota integrativa del gruppo Esposito
PotenzaRubriche

In data 16.12.2020, il Comitato Regionale di Basilicata della FIGC indiceva le elezioni per il rinnovo delle cariche per il quadriennio 2021-2024, convocando l’assemblea ordinaria elettiva per il giorno 7 gennaio 2021, con l’indicazione del termine ultimo del 02.01.2021 per la presentazione delle candidature, ciò tuttavia, senza l’indicazione delle modalità operative. In data 17.12.2020 si richiedeva al CR Basilicata, a mezzo mail, l’elenco delle società aventi diritto al voto al fine di poter meglio svolgere la campagna elettorale, tuttavia non si riceveva alcun riscontro. Addirittura, alcune società interpellate, ignare della normativa elettorale, contattate da noi per illustrare il nostro programma elettorale affermavano di aver già sottoscritto la designazione alla candidatura per la lista del Presidente uscente ben prima del 16.12.2020, data di pubblicazione dei modelli ufficiali! Infatti, mentre tutti i Comitati Regionali d’Italia hanno messo a disposizione sul sito istituzionale i modelli di candidatura con l’elenco delle società aventi diritto al voto nel periodo 9/12 -14.12.2020, stranamente il comitato di Basilicata ha ottemperato solo in data 21.12.2020, quando già i candidati uscenti si erano garantiti il numero di deleghe necessarie a presentare la propria candidatura. In questo quadro di evidente ostruzionismo e di illegittimità è utile ricordare che la Regione Basilicata, a causa dell’emergenza epidemiologica Covid-19 è stata classificata, con DPCM del 18.12.2020, fino al 23 zona arancione, con i conseguenti divieti di spostamento in entrata e in uscita dai Comuni di residenza e per i giorni 24, 25, 26, 27 e 31 Dicembre 2020, nonché 1, 2, 3, 5, 6 Gennaio 2021 l’intero territorio è stato classificato zona rossa, con divieto assoluto di spostamento. Secondo le disposizioni elettorali previste le società sportive aventi diritto di voto sono complessivamente 121, dislocate su tutto il territorio lucano, con distanze notevoli le une dalle altre. Adito il Tribunale Federale Territoriale del CR Basilicata riunito in Collegio di Garanzia Elettorale in data 3.01.2021 decretava le nostre candidature: “NON AMMISSIBILI”, ciò in carenza assoluta di qualsiasi motivazione a riguardo dell’asserita l’inammissibilità. Il provvedimento del Tribunale Federale Territoriale in data 4.01.2021 era impugnato d’innanzi alla Corte d’Appello federale, il quale rigettava il ricorso, ad oggi siamo ancora in attesa delle motivazioni. Ad oggi, quindi non è dato conoscere il motivo dell’adozione di siffatto provvedimento Desta non poco stupore un siffatto comportamento ostruzionistico in un consesso sportivo dove i valori del merito, della probità, della lealtà e della correttezza dovrebbero essere alla base di qualsiasi competizione. Viceversa la nostra partecipazione è stata inspiegabilmente impedita per un paradossale principio di autoconservazione del “potere” di chi è al vertice della FIGC di Basilicata da ben 20 anni, impedendo, di fatto, un demortatico confronto che avrebbe giovato in primis alle ragioni del dialogo ed alla stessa legittimazione dell’eventuale vincitore. Solo stati quindi lesi, inspiegabilmente, i principi e valori costituzionali di democrazia rappresentativa e partecipativa sia attiva che passiva. Nel caso di specie con la contrazione dei termini e dei giorni necessari per svolgere una minima campagna elettorale è stato di fatto compromesso il diritto di elettorato passivo e di aver potuto esporre alle società il proprio programma elettorale, di fatto, con l’evidente ostruzionismo della Federazione prima e dei Tribunale federali poi, i cui componenti, essendo stati nominati degli stessi vertici regionali, hanno purtroppo dimostrato di veni meno alla terzietà che dovrebbe contraddistinguerli. Infatti non è stato possibile raggiungere le società, poter esporre il proprio programma elettorale, presentare i candidati e raccogliere materialmente le designazioni per il divieto assoluto di spostamenti sul territorio regionale. E’ venuto, quindi, meno il principio di parità rispetto al candidato Presidente uscente ed ai suoi Consiglieri, in quanto lo stesso, in carica da ben 20 anni, disponeva dei modelli di raccolta firme già molto prima, pubblicandoli soltanto in data 16.12.2020 (e di tale circostanza è stata già notiziata la competente Procura Federale che sta effettuando gli accertamenti del caso). Usando una metafora sportiva abbiamo concorso ad una gara di 100 metri, ma mentre noi eravamo ancora sui blocchi di partenza i nostri avversari erano già 50 metri aventi, dopo di ché hanno sparato il colpo di pistola. Fatto sta che l’assemblea elettiva si è regolarmente celebrata anche alla presenza del Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Cosimo Sibilia, con l’illustrazione delle relazioni programmatiche, il dibattito, gli interventi ed infine le votazioni, il tutto alla presenza di oltre 80 persone intervenute. Ciò in spregio alle norme emanate a contenimento dell’emergenza pandemica, contenute nel D.L. 125/2020, nella L. 74/2020 e nel DPCM 3.12.2020 art. 1 lettera O che vieta espressamente attività riconducibili a convegni, congressi o assemblee, nonché contravvenendo alla VS Nota Prefettizia prot. 834/5 - 1 2021 18, con la quale si autorizzava lo svolgimento limitato alla SOLA consultazione elettorale (inspiegabilmente rilasciata) ed alle mere operazioni di voto, per altro con l’adozione di misure di prevenzione, nella fattispecie assenti. Tali circostanze sono state accertate dai Carabinieri della compagnia di Tito, interventi in assemblea, nella cui circostanza hanno compilato relazione di servizio, nonché dalla diretta streaming dell’assemblea congressuale, trasmessa anche con diretta facebook, la cui registrazione è rinvenibile sulla pagina LND Basilicata al link: https://www.facebook.com/lndbasilicata/videos/412139316778088 da cui si evince inequivocabilmente il grave ed imprudente comportamento, dalla documentazione fotografica. Giova precisare che della vicenda è stato interessato anche il Tribunale Amministrativo regionale di Basilicata la cui udienza in camera di consiglio è fissata per il giorno 27 gennaio p.v. Inoltre a breve verrà adito il collegio di garanzia del Coni.

Comunicato Stampa Gruppo Esposito

La Redazione