AMARCORD - Correva la stagione 2000-01: il Pisticci domina con Valente - I AM CALCIO POTENZA

AMARCORD - Correva la stagione 2000-01: il Pisticci domina con Valente

Una formazione del Pisticci
Una formazione del Pisticci
PotenzaAmarcord

In un'altra porzione del territorio pisticcese qualcuno aveva piantato un seme destinato a germogliare e portare tanti frutti. Luciano De Biasi, un potentino trapiantato a Pisticci per motivi di lavoro nella zona industriale, creò nel 1984 la Polisportiva Val Basento. La squadra, che si basava sulla valorizzazione dei talenti locali, milita in campionati minori fino al 1996, quando De Biasi decise di trasformarla in Polisportiva C.S. Pisticci, sbarcando sul suolo dell'allora stadio San Gaetano. Al primo anno, confortata anche dal ritrovato entusiasmo di una piazza che poté tornare a respirare aria di calcio locale, vinse il campionato di prima categoria con allenatore Petracca, ds Valente e capitano Donato Panetta. Poi, nel 97/98, conquistò anche la Promozione partendo con Fontana in panchina e chiudendo l'anno con Valente il quale, la stagione successiva, disputò un egregio campionato di Eccellenza. La Pol. C.S. Pisticci si confermò ancora nella massima categoria regionale con Montenegro. Poi, nel 2000/2001, la dirigenza accolse l'imprenditore Nicola Benedetto che divenne presidente. Valente tornò in sella e fu costruita una squadra molto competitiva con l'obiettivo di vincere il campionato. Cosa che avvenne a margine di una cavalcata imperiosa di fronte alla quale nulla poté il pur competitivo Francavilla. Ma il C.S. Pisticci vinse anche la Coppa Italia e fu la prima squadra ad accoppiare i trofei.

L'ACCOPPIATA CAMPIONATO-COPPA ITALIA: E' LA CONSACRAZIONE DI VALENTE A PISTICCI

I tempi per puntare alla D ormai sono maturi. A Valente manca soltanto il campionato di Eccellenza per diventare il più vincente dell'epoca, dopo la Coppa Italia conquistata l'anno prima con il Matera Promos Consult. Ma non solo. Il tecnico pisticcese in quella stagione 2000-01 riesce ad entrare tra i 40 corsisti per allenatori professionisti a Coverciano. Il tridente d'attacco è pronto a dare spettacolo: la fantasia di Tataranni, la freddezza di Agneta e le giocate di Buccolieri sono le armi vincenti per un campionato da sogno. Le prime due gare di campionato vengono conquistate di misura contro Sporting Genzano e Horatiana Venosa, poi alla terza il pareggio interno contro lo Sporting Avigliano. Nei quattro turni successivi arrivano il tris a Ferrandina, il big match contro il Francavilla deciso da Agneta e i successi all'inglese sul Balvano ed Edilceramiche Potenza. Poi due domeniche di appannamento per la compagine di Valente: il pareggio a Baragiano per 1-1 e l'unica sconfitta del campionato giunta al Michetti per 0-1 contro il Matera. Quel ko dà la carica per continuare a dare il meglio e il Pisticci consegue sei vittorie di fila contro Lagonegro, Vietri, Vultur Rionero, Agromonte, Tito e Bernalda, laurendosì campione d'inverno con quattro lunghezze di vantaggio sul Francavilla. Però nelle prime tre giornate del girone di ritorno i gialloblè vengono agganciati dal Francavilla a pari punti, per effetto dei pareggi a Genzano e Avigliano e della sola affermazione casalinga contro l'Horatiana Venosa. Intanto c'è da conquistare il primo titolo della stagione e il Pisticci lo conquista nella vicina Policoro contro il rivale per la vittoria finale in campionato Francavilla. Mauro Sanchirico con un bellissimo colpo di testa porta in vantaggio i sinnici dopo 4', ma nel finale di tempo ci pensa Agneta con una doppietta tra il 44' e il 46' a ribaltare il punteggio e al9' della ripresa Buccolieri su rigore completa la rimonta. In campionato si continua a vincere contro il Ferrandina per 3-1 e nella successiva di Francavilla la compagine pisticcese capisce che può vincere il torneo con grande abnegazione e senso tattico nell'affrontare un match importante: finisce 2-2 con doppietta di Agneta per i gialloblè. La condivisione della vetta continua per altre cinque giornate, in cui il Pisticci batte il Balvano, impatta a Potenza, si impone di misura sul Baragiano e vendica a Matera con un pesante poker la sconfitta interna dell'andata. Poi a cinque giornate dalla fine la svolta: il Francavilla non va oltre l'1-1 a Potenza e il Pisticci con un 4-1 al Lagonegro lo stacca di due punti. Si va avanti con le stesse distanze fino all'ultima giornata con gli uomini di Valente che nel frattempo battono Vietri, Vultur, Agromonte e Tito. All'ultimo atto della stagione c'è il derby al Michetti contro il Bernalda e a decidere la sfida sarà un calcio di punizione di Tataranni. Il derby vinto all'ultima giornata sarà anche una strana sorte del destino per Valente. Due anni più tardi sarebbe tornato sullo stesso campo su una panchina avversa a quattro giornate dalla conclusione per consentire ai bernaldesi di vincere il torneo. Anche in quel caso l'allenatore pisticcese vinse il campionato di misura negli ultimi 90'. Si chiude così il campionato 2000-01 come si era concluso il girone di andata, con quattro punti di vantaggio, perché il Francavilla viene bloccato a Baragiano. Valente conquista praticamente tutto e sarà il primo dei prime tre campionati vinti nella massima competizione regionale.

LA ROSA DEL PISTICCI

PRESIDENTE: Nicola Benedetto

ALLENATORE: Antonio Valente

GIOCATORI: Catalano, Cristallo, Spalierno, Vallica, Mancone, Frappampina, Parente, Petraglia, Fortunato, Rognone, Marra, Tataranni, Andrulli, Montemurro, D'Andria, Buccolieri, De Simone, Abate, Agneta.

Biagio Bianculli