AMARCORD - Correva la stagione 2006-07: il Venosa del Mundial Pasculli - I AM CALCIO POTENZA

AMARCORD - Correva la stagione 2006-07: il Venosa del Mundial Pasculli

Bomber Vicentin decisivo con 27 gol
Bomber Vicentin decisivo con 27 gol
PotenzaAmarcord

Parte da Brienza la nuova avventura dell’Horatiana Venosa nella massima serie regionale stagione 2006-07. Infatti si tiene "vecchio" rettangolo burgentino, la prima apparizione degli oraziani targata Gentile–Fanelli. Debutta, insomma, la nuova e “ricca” Horatiana in luogo della precedente gestione dei soliti Fantini e Palumbo, in grado di assicurare il solito bel campionato. Venosa sembra divisa: da un lato gli entusiasti per la “quasi” annunciata squadra in grado di “spaccare il campionato”; dall'altro, chi tituba e teme chissà quali sotterfugi. I fatti sono, semplicemente, questi: Fantini, Palumbo e Di Tommaso, stanchi di fare la solita questua estiva e, complici “vecchie amicizie”, hanno ceduto ai desideri di chi ha voluto fare le cose “in grande”. Dimessosi Luciano Martino (l’allenatore chiamato da Fantini e Palumbo), è iniziata la costruzione in grande stile: coinvolti Angelo Antenori, noto imprenditore e personaggio di spicco dell’ambiente politico venosino e l’azionista proprietario Gentile che non ha badato a spese. L'organigramma societario e tecnico è il seguente: Angelo Antenori presidente, Fanelli direttore sportivo, Barbarossa direttore generale, Alessio Musco (vecchia gloria del calcio oraziano) allenatore dei portieri, Cenzino Termine massaggiatore, Tommaso Lotumolo a dirigere il settore giovanile, Pedro Pablo Pasculli (campione del mondo con l’Argentina di Maradona del 1986 ed indimenticato attaccante del Lecce di Michele Lorusso) allenatore. L'acquisto azzeccato è quello del centravanti Juan Sebastian Vicentin, capocanonniere del campionato con 27 reti.

L'HORATIANA VENOSA DEL MUNDIAL PASCULLI STRAVINCE L'ECCELLENZA

L'esordio stagionale è a Brienza. Sblocca il neoarrivato Vicentin per i gialloverdi, ma i melandrini impattano con Robertazzi per l'1-1 finale. Il primo successo giunge in casa contro la Murese: apre Petilli giunto in settimana dal Lucera e chiude con una doppietta Vicentin. La squadra del Mundial '86 Pasculli prosegue con tre vittorie consecutive contro Picerno, Sporting Montalbano, Atletico Marconia. Successivamente arrivano tre pareggi consecutivi contro Vultur Rionero, Ruggiero Lauria e Irsinese. Alla nona l'Horatiana Venosa ritrova il successo con un tris all'Angelo Cristofaro e continua contro Forza Matera e Ricigliano, prima del pari a Ferrandina raggiunto all'88' con Catapano che risponde al rigore dell'aragonese Grieco. Il nuovo successo arriva alla tredicesima di rigore con la freddezza di Vicentin che stende il Pisticci. Nello scontro diretto di Atella è parità con i gol segnati nello spazio di 1': padroni di casa in vantaggio con Larotonda e venosini che impattano con il solito Vicentin. L'attaccante argentino segna il terzo gol consecutivo al Lorusso che permette di piegare di misura il Moliterno. Nella settimana dopo l'Horatiana Venosa batte con un set tennistico l'ormai spacciato Basilicata Sport Club e conclude il girone di andata con il pari interno contro l'Avigliano. Gli oraziani riprendono a vincere con un'affermazione per 3-1 sul Brienza, allungando successivamente la striscia di vittorie di seguito a cinque contro Murese, Picerno, Sporting Montalbano e Atletico Marconia. Alla ventitreesima giornata arriva la prima sconfitta stagionale al Corona: decide Di Palma per la Vultur. L'Horatiana Venosa archivia subito il ko di Rionero e nel turno seguente si impone sulla Ruggiero Lauria con Viggiano e continua con un tris ad Irsina. A Oppido la squadra venosina coglie un pari e poi ritorna a mettere a segno quattro vittorie consecutive contro Forza Matera, Ricigliano, Ferrandina e Pisticci, prima dello storico ritorno in D del 1° aprile 2007. Nel giorno della festa, contro l'Atella secondo in classifica, vanno a segno Salerno, Malagnino, Vicentin, Persichino e Petilli, mentre Carriero per gli ospiti rende meno amaro il passivo. La fame dei venosini non si spegnerà nelle due gare successive e si tramuterà con un'altra cinquina al Moliterno e una sestina al Basilicata Sport Club. Soltanto all'ultima di campionato giungerà la seconda sconfitta in campionato: ad Avigliano al 92' per 4-3, dopo essere stati in vantaggio per 1-3 fino al 71'. La fantastica cavalcata in D si conclude con 80 punti, 79 gol fatti e 28 subiti.

LA ROSA DELL'HORATIANA VENOSA

PRESIDENTE: Angelo Antenori

ALLENATORE: Pedro Pablo Pasculli

GIOCATORI: Di Marco, Catapano, Andreotti, Musco, Gorga, Basile, Lanotte, Scaraggi, Petilli, Persichino, Vicentin, Zinocchi, Trotta, Salerno, Malagnino, De Sario, Viggiano, Fraschini.

Biagio Bianculli

Leggi altre notizie:ORAZIANA VENOSA Amarcord