AMARCORD - Correva la stagione 1983-84: la Coppa è del Montescaglioso - I AM CALCIO POTENZA

AMARCORD - Correva la stagione 1983-84: la Coppa è del Montescaglioso

Una formazione del Montescaglioso
Una formazione del Montescaglioso
PotenzaAmarcord

La stagione 1980-81 travagliata per l'intero movimento calcistico lucano. Il terremoto del 23 novembre 1980 ha colpito duramente le società del potentino, ma non mancarono gli aspetti positivi: la reazione alla distruttiva forza della natura, la volontà di ripresa di un'intera regione e la solidarietà di quella nazionale, l'inaugurazione di una nuova sede della Federazione, l'esigenza del "cambiamento" e la nomina a Segretario di Pinuccio Centola. Intanto in quegli anni Ottanta si segnalò una squadra: il Montescaglioso, neopromosso dalla Prima Categoria girone B, con i successi interni nei big match contro le "big" di allora Melfi e Bernalda e la vittoria della Coppa Italia regionale contro l'Avigliano del 1983-84.

LA MATRICOLA MONTESCAGLIOSO VINCE LA COPPA ITALIA REGIONALE

In pochi potranno ricordare l'anno di grazia del Montescaglioso che sfiorò la serie D da matricola e allo stesso tempo riuscì ad aggiudicarsi la competizione della coccarda. Allora la massima competizione era la Promozione e il campionato a vittoria era a 2 punti. Quell'annata siamo riusciti a ricostruirla grazie a chi ha conservato gli articoli de La Gazzetta del Mezzogiorno per ripercorrere il cammino. Era la stagione 1980-81 la compagine montese si laureò campione d'inverno, a pari punti, con il Tolve a quota 19 punti. Ma era una classifica talmente corta che al giro di boa in tre punti c'erano ben otto squadre (Rionero, Real Genzano e Melfi a 18, Pro Matera, Lagonegro e Bernalda a 17). Il passo verso la D il Montescaglioso riuscì a tenerlo fino a due giornate quando perse il big match 2-0 a Policoro e il Melfi con il 5-0 al Lagonegro volò a +3 (nell'era moderna sarebbero +5). La squadra montese terminò terza a pari 37 con il Pro Matera, dietro al Bernalda 40 e Melfi 41. Ma la formazione biancazzurra nel 1983-84 si tolse però lo sfizio di vincere la Coppa Italia regionale e di arrivare terzo come tre anni prima (a quota 34) dietro Policoro (primo a 50) e Pro Matera (secondo a 49). In finale l'avversario è l'Avigliano. I granata reggono bene per tutto il primo tempo alle sfuriate di un Montescaglioso che con Cifarelli e Montemurro, sfiora diverse volte di segnare. Inaspettamente però è l'Avigliano ad andare in vantaggio per primo su azione di contropiede con Brnindisi. Nel secondo tempo i biancazzurri cambiano marcia ed è Cifarelli al 16' con un violento tiro da fuori area, a battere Stenta. Sette minuti dopo è Iacovino a raddoppiare con un'entusiasmante azione personale. Allo scadere esatto dei secondi 45' è Santarcangelo a fissare il punteggio sul 3-1 in contropiede proprio quando l'Avigliano era sbilanciato in avanti per cercare la rete del pari.

LA ROSA DEL MONTESCAGLIOSO

PRESIDENTE: Rocco Santarcangelo

ALLENATORE: Ernesto Rago prima, Franco Cicorella poi 

GIOCATORI: Nole', Ciarfaglia, Montemurro, Marchitelli, Andriulli, G. Mianulli, Zaccaro, Cifarelli, Bernalda, Iacovino, F. Mianulli, Santarcangelo, Menzano, C. Panico, F. Panico, Galante, Calizzo, Martino, Giannotta, Gallipoli.

Biagio Bianculli

Leggi altre notizie:MONTESCAGLIOSO Amarcord