Grumentum, Pellegrini: "Voglio dimostrare tutto il mio valore in D" - I AM CALCIO POTENZA

Grumentum, Pellegrini: "Voglio dimostrare tutto il mio valore in D"

Nicola Pellegrini
Nicola Pellegrini
PotenzaEccellenza

Quando è passato quel treno, ci è salito subito senza esitazione. Nicola Pellegrini la serie D con il Grumentum Val d'Agri l'ha conquistata sul campo e non voleva affatto farsi sfuggire l'occasione di giocarla. "Non lo nego - dice al Quotidiano il difensore biancazzurro - , ho cercato molto questa riconferma e poi il presidente mi ha voluto anche per quest'anno con lui e di questo sono felicissimo. Voglio giocarmi le mie chance in serie D e dimostrare i miei valori sia in campo che fuori".Poi ribadisce un vecchio concetto Pellegrini: "Tutti siamo fondamentali ma nessuno è indispensabile, io mi impegnerò tanto per conquistarmi prima la fiducia del mister e poi il posto da titolare". Non ci va da neofita in serie D Nicola Pellegrini, ma il ricordo dell'ultima volta non è proprio positivo e vuole cancellarlo. "L’esperienza Francavilla non è andata proprio come credevo però nello stesso tempo mi è stata molto d’aiuto per crescere vicino a grandi giocatori tra cui Fabio Pioggia che era sempre con me in tutto. Ero giovanissimo il primo anno, ero sotto l’età degli under quindi guardai molte partite dalla panchina tra cui la prima fu proprio a Foggia allo Zaccheria, l’anno dopo fui operato al ginocchio quindi saltai ritiro e molti allenamenti e ripresi tardi a giocare così lasciai Francavilla per andare a Senise, nel mio paese". Perso lo zoccolo duro che ha conquistato il triplete, il difensore è uno dei pochi riconfermati, segno inconfutabile della stima del club. Mi dispiace tantissimo per le partenze dei miei amici perché avevamo creato un grandissimo gruppo, anche andando sotto eravamo sicuri di vincere le partite perché ci aiutavamo l’uno con l’altro proprio come in una famiglia anche perché Volini non è stato per noi solo un allenatore per noi ma anche un grandissimo amico, un fratello, il primo a scherzare e il primo a giocare con noi". Dal 21 si torna al lavoro anche per guadagnarsi un posto nelle gerarchie di Finamore: "non c’è mai un limite, se io dico di essere arrivato solo perché giocherò in serie D, allora ho fallito". Chiusura determinata: "Voglio continuare a fare bene al Grumentum perchè molte persone si aspettano questo da me e io spero di accontentarle. Io guardo sempre in alto e lo ammetto, naturalmente stando con i piedi a terra e con molta umiltà, chi mi conosce bene lo sa".

Nicola Signoretti

La Redazione

Leggi altre notizie:GRUMENTUM VAL D'AGRI Eccellenza