Grumentum vince al 94', Melfi raggiunto al 90': prima fuga a +4

L'undici del Lavello sceso in campo
L'undici del Lavello sceso in campo

Il turno infrasettimanale della ventunesima giornata in chiave promozione si decide nei minuti finali. Il Grumentum Val d'Agri coglie il successo sul Policoro al 94' e il Melfi viene raggiunto dal Pomarico al 90'. In pochi minuti la speranza dei federiciani di agguantare i valdagrini in testa si è tramutato così ad uno scivolone di quattro lunghezze ed è ufficialmente aperta la crisi di risultati. Soltanto quattro punti conquistati per i gialloverdi nelle ultime cinque gare. Eppure l'attuale capolista non se l'è passata bene contro gli jonici andati due volte in vantaggio con Kandji ed in inferiorità numerica dopo l'1-1 per l'espulsione di Bojang. A rispondere all'attaccante eracleo ci ha pensato in entrambe le volte Milano alla sua seconda doppietta consecutiva e a regalare il sesto successo consecutivo ai valligiani è stato Scavone al quarto minuto di recupero, tornato a sbloccarsi dopo quattro partite senza segnare. Invece i melfitani sul doppio vantaggio con Falanga e Borjes, sono stati agganciati dai pomaricani con Di Serio e Venza. I risultati negativi della compagine di Astudillo favoriscono la Vultur e il Lavello che con un tris a testa sbrigano le pratiche Ferrandina e Ripacandida. Grillo, Marino e Clementi permettono ai rioneresi di agganciare il Melfi al secondo posto; doppio Gerardi e Alassani di accorciare a due lunghezze dal secondo posto. Dopo una lunga rincorsa il Real Metapontino raggiunge il quinto posto agganciando il Real Senise. La Celeste trascinata dalla doppietta di Albano (che nella giornata odierna ha spento le 40 candeline) e Tomaselli ha battuto il Moliterno e i sinnici sono caduti a Montescaglioso sotto i colpi di Leccese: il primo su azione e il secondo su rigore. Termina a reti inviolate lo scontro salvezza Avigliano-Murese. Il quadro della giornata si completerà domani con il posticipo Latronico-Real Tolve.

Biagio Bianculli