Scalese: "Vaglio resterà la mia casa Ringrazio di cuore la comunità"

Scalese sarà sostituito dal Albano
Scalese sarà sostituito dal Albano

Alla pubblicazione del comunicato del Città di Vaglio, Manuel Scalese risponde presente con i ringraziamenti. Dopo un anno di lavoro e a venti giorni dall'inizio della preparazione già prestabilita, il 32enne allenatore del capoluogo di regione comincerà a breve una nuova avventura. Non è dato sapere dove per il momento, ma i rapporti sono rimasti stabili e indelebili con l'ambiente biancoceleste. Questa la missiva dell'ormai ex tecnico del Città di Vaglio: "Speravo che questo giorno non arrivasse mai. Per un’irrinunciabile offerta lavorativa e sportiva non potrò fa parte della grande famiglia del Città di Vaglio. Con il cuore colmo di commozione voglio ringraziare tutti per avermi accolto e coccolato come uno di famiglia. Vaglio sarà sempre la mia casa, un luogo speciale dove emergono quelli che sono i veri e profondi valori rappresentati da quel pallone che rotola. Ringrazio di cuore il presidente Carlo La Sala, un uomo di grande equilibrio, di una profonda coscienza e saggezza, il profilo ideale per coprire questo delicato ruolo. Grazie al direttore sportivo Severino Alfieri, persona con una passionE coinvolgente e travolgente. Persona vera, trasparente e cristallina, un grande uomo di sport. Sarò sempre grato a Lorenzo Albano, un uomo di cuore e di grande sensibilità. Una risorsa irrinunciabile e poliedrica, al quale mi lega un profondo legame. Sono convinto che farà grandi cose. Grazie a tutti i miei ragazzi, rappresentati dal grande capitano Francesco Mancusi. Quando arrivai a Vaglio non sapevo chi avrei trovato di fronte e col senno di poi mi ritengo privilegiato di aver lavorato con persone eccezionali, con una spiccata cultura del lavoro e una profonda coscienza di gruppo e di spogliatoio. Grazie a tutti i dirigenti, all’amministrazione, a Don Teodosio e a tutta la splendida comunità di Vaglio. Mi sono sentito, mi sento e mi sentirò sempre uno di voi. M attenderà una nuova avventura ma ora non è il momento di parlare di futuro, adesso è il momento dei ringraziamenti, della gratitudine e della commozione. Come quando si salutano i legami affettivi prima di una partenza. Grazie anche per le decine di telefonate e messaggi di affetto che sto ricevendo in queste ore. Vorrei chiudere con una frase che i ragazzi conoscono orami a memoria e che sono convinto che onoreranno con tutto se stessi: “Il San Faustino è il nostro tempio e noi siamo i guardiani a difesa di esso”. Forza Vaglio sempre".

Biagio Bianculli

Leggi altre notizie:CITTà DI VAGLIO