Calciomercato LIVE

Paternicum, Montano come Baggio: rientro in campo e gol da subentrato

Peppe Montano dopo il gol del 4-2
Peppe Montano dopo il gol del 4-2

Era il 21 aprile 2002 quando allo stadio Rigamonti i tifosi del Brescia alla terzultima giornata aspettano il ritorno in campo dell'uomo più atteso. E' Roby Baggio: il fantasista italiano più forte di quell'epoca sta per rientrare in campo dopo 77 giorni da un grave infortunio al ginocchio e le Rondinelle stanno vincendo 1-0 contro la Fiorentina. L'ovazione per il Divin Codino è da brividi al minuto 70 e dopo 2' ecco il 2-0 che il Rigamonti aspettava. Poi all'89' la doppietta di Baggio per il 3-0 finale che lancia il Brescia alla salvezza e aumenta le speranze della stessa punta per ritrovare i Mondiali. Però la convocazione di Trapattoni non arriverà e sarà delusione per l'Italia del calcio. Ma spostiamo le lancette dell'orologio ai giorni nostri. Ieri tra Paternicum e Fortuna Potentia in una situazione di punteggio in bilico, con il 3-2 in favore dei valligiani, all'80' arriva il cambio che i tifosi rossoblu aspettavano. Entra Peppe Montano e subito c'è la standing ovation per l'attaccante di Corleto Perticara. Non gioca da 77 giorni, proprio contro il Divin Codino, dopo il brutto infortunio subito contro l'Oraziana Venosa che lo costrinse ad uscire dopo pochi minuti, nonostante avesse sbloccato anche la gara in quel 28 gennaio. Tocca il suo primo pallone all'85': è quello che spinge il Paternicum alla vittoria finale. Contromovimento alla SuperPippo Inzaghi fintando di attaccare il primo palo e puntando il secondo appoggiando in rete. E' il delirio al Taddeo. Montano si toglie la maglietta. I tifosi esultano e tutti i compagni di squadra vanno ad abbracciarlo. Il rischio di essere entrato in campo non lo ha minimamente spaventato, eppure dopo la risonanza magnetica due settimane dopo l'infortunio parlava di campionato finito. Ma lui ha voluto esserci per queste ultime due partite. E per finire ha servito il pallone del 5-2 al suo gemello del gol Petrocelli. Anche lui era ritornato in campo soltanto domencia scorsa a Ripacandida dopo un lungo stop. Insieme Montano e Petrocelli hanno realizzato 26 gol stagionali (11 in campionato e due in Coppa Italia per il primo, 12 in campionato e uno in Coppa Italia per il secondo). Ora ad Avigliano l'ultima missione dove mancherà bomber Notarfrancesco, che ieri ha sbloccato la partita su rigore, per raggiungere la salvezza.

Biagio Bianculli